QualcosaDaFare.it

Andiamo qui?

Mi interessa

Condividi su

Chiesa


dove


Via Vinacciano

Toscana

43.887547°, 10.871036°

Indicazioni stradali


quando


Sempre disponibile


recapiti



costi


Nessun costo inserito


descrizione


L' attuale chiesa, sorta sul preesistente oratorio castellano di Santa Lucia, risale al XVI-XVII secolo.
L' attuale complesso ecclesiastico nasce dall' ampliamento del preesistente oratorio, una volta assunta la competenza di chiesa battesimale. Si deve ad una riorganizzazione dell' abitato a e alla necessità di rispondere ad esigenze funzionali legate alla residenza dei religiosi, l'edificazione nel 1576 del corpo di fabbrica porticato affiancato alla parete sud della chiesa, su cui veniva aperto il nuovo ingresso alla chiesa e alla casa canonicale. Le pareti del portico sono popolate da lapidi e pietre tombali dei fedeli secondo una consuetudine radicata nelle chiese di campagna.
L' interno è ad un' unica navata. Gli altari, databili al 1710, sono realizzati in pietra arenaria e al di sopra della mensa, sostenuta da mensole, si innalzano due semicolonne trattate a finto marmo verde che sopportano l' architrave e robuste cornici coronate dal timpano spezzato e decorato dal monogramma di Cristo entro l' ostia raggiata.
Sulle due pareti laterali dell' unica navata della chiesa sono sistemati sei dipinti settecenteschi, raffiguranti ciascuno una coppia di santi. Le sei tele, dipinte dal medesimo pittore pistoiese, presentano una policromia incentrata sui toni scuri, appena rischiarati da alcune vesti rosse, giallo scuro o da un azzurro metallico.
L' altare maggiore spicca per l' inedito coronamento in stucco che comprende entro un ovale l' olio su tela con la Vergine in ginocchio che riceve la corona di Cristo. La Madonna, la cui testa è circondata da una corona di stelle, vestita di rosso con mantello bianco, è inginocchiata davanti a Cristo, ammantato d'azzurro, che sta per deporle sulla testa la corona, mentre dietro di lei è il Padre Eterno benedicente. Il dipinto, databile intorno alla metà del XVIII secolo, è opera di un anonimo pittore pistoiese che sembra trarre spunti dalle opere del Marchesini o, quanto meno, dal suo ambiente artistico.
Sotto, la tela settecentesca rappresenta Santa Lucia con i santi Antonio Abate e Luigi Gonzaga ad opera del pistoiese Pietro Marchesini, detto L' Ortolanino. La santa, che fra le mani tiene i simboli del martirio (gli occhi su un'alzata, la spada e la palma), assisa sulle nuvole, guarda verso l' alto ed è irradiata dalla luce divina e contornata da cherubini. A sinistra il vecchio e barbuto Sant' Antonio Abate con il libro delle Sacre Scritture e il bastone a T, il giovane san Luigi Gonzaga sorregge e guarda estasiato il crocifisso, mentre in primo piano è posto un candido giglio e, più arretrate, una corona e una croce.

Nella valletta del Rio Maggio, a sud del paese di Vinacciano, si trovano i resti dell' antica Pieve.

Foto
Foto

Condividi una foto o un video

Trascina qui le tue foto (o clicca)

Mostra galleria

Chiedi informazioni aggiuntive. Fai una domanda

Visualizza domande

Aiuta gli altri utenti, aggiungi un commento

Visualizza commenti

Andiamo qui?

Mi interessa

Condividi su