QualcosaDaFare.it

Andiamo qui?

Mi interessa

Condividi su

Torre


dove



quando


Disponibile solo su prenotazione


Per informazioni rivolgersi all'Ufficio Informazioni Turistiche oppure all'Ufficio Cultura.


recapiti


Ufficio Informazioni Turistiche

Telefono 0573 917308

E-Mail turismo@comune.serravalle-pistoiese.pt.it


costi


gratuito


descrizione


La torre, a sezione quadrangolare, venne innalzata nel 1140 per volontà dei Consoli di Pistoia e rappresenta l' unico elemento sopravvissuto della rocca più antica del XII secolo, innalzata a presidio del valico che separava il territorio pistoiese da quello lucchese.
L' imponente porta che permette oggi l' accesso alla rocca è da identificare con la porta della Castellina, già indicata negli Statuti del XII secolo. L' impianto della rocca vecchia era costituito da un muro di cinta e si accedeva all' interno attraverso due porte disposte l' una di fronte l' altra presso gli spigoli nord ed est.
Al centro della Rocca Vecchia si eleva la torre, nota come torre 'del Barbarossa' (in precedenza 'torre longobarda'): non conosciamo i motivi di tale denominazione, visto che attualmente non esiste alcun cenno storico che la metta in collegamento con Federico il 'Barbarossa'.
Essa si eleva per oltre 40 metri sul punto più alto del colle, a una quota di circa 180 m di altitudine, e permetteva di controllare dalla sua cima la vallata fino a Firenze e tutta la pianura della Valdinievole, fino a Lucca e al mare, e di comunicare con le altre torri limitrofe (Monsummano Alto, Montecatini Alto, Castellina e Vinacciano) attraverso segnalazioni luminose.
La porta d' ingresso si trova a 5,20 m di altezza da terra.
Interessanti sono le disposizioni che ne regolavano la sorveglianza contenute negli Statuti del XII secolo e che sottolineano l' importanza della funzione di mastio e di guardia svolta dalla torre: il custode preposto alla sua sorveglianza era scelto tra i cittadini pistoiesi di censo piuttosto elevato e, durante i quattro mesi del suo incarico, non poteva uscire dalla torre. La porta veniva infatti sbarrata dall' esterno e nessuna costruzione poteva essere costruita nello spazio circostante compreso tra la Porta della Castellina e la casa del comune.
I primi interventi di restauro da parte della Soprintendenza di Firenze risalgono agli inizi del Novecento. L' aggravarsi delle condizioni statiche della torre hanno portato a un complesso intervento di consolidamento, durato dal 1991 fino a metà degli anni Novanta, sotto la direzione dell' ingegnere Luciano Marchetti. Tale intervento ha permesso la realizzazione della scala interna che conduce alla sommità della torre e permette di osservare la piana di Pistoia e la Valdinievole ripercorrendo i passi del custode della torre.

Foto
Foto
Foto
Foto
Foto
Foto

Condividi una foto o un video

Trascina qui le tue foto (o clicca)

Mostra galleria

Chiedi informazioni aggiuntive. Fai una domanda

Visualizza domande

Aiuta gli altri utenti, aggiungi un commento

Visualizza commenti

Andiamo qui?

Mi interessa

Condividi su