QualcosaDaFare.it
ualcosaDaFare.it

Poggio a Caiano è la sua villa. Situato sulle rive del fiume Ombrone, si identifica fortemente con la magnifica residenza medicea. La dimora, voluta da Lorenzo il Magnifico, nacque con il nome di Ambra, avvolta da un mito che voleva rendere il luogo ancora più pregno di valore e fascino. Pare che infatti la ninfa che portava questo nome fosse stata aiutata a fuggire dalla dea Diana proprio su questa collina, dove Ombrone, che la tormentava, non avrebbe potuto raggiungerla.

Realizzata tra Quattrocento e Cinquecento dall'architetto Sangallo, la Villa Medicea di Poggio a Caiano è un vero e proprio capolavoro.

Ed è proprio dalla Villa che parte un bellissimo percorso per le vie della città. Che tu voglia trascorrere una giornata romantica con la tua dolce metà, oppure con gli amici o persino con la tua famiglia e i tuoi bambini... non fa differenza! Chi visita Poggio a Caiano non può perdere le sue meraviglie.


Il punto di partenza è proprio la Villa Medicea, alle pendici del monte Albano che fa da cornice a questa splendida dimora.

Residenza estiva dei Medici, culla di avvenimenti importanti come matrimoni ma, come ogni antica e nobile abitazione che si rispetti, è anche coinvolta in intrighi di corte, come il noto mistero dei coniugi Francesco I e Bianca Cappello, la cui morte probabilmente non è casuale, ma dovuta a un premeditato avvelenamento. Questa costruzione è considerata una rarità, in quanto palesemente luogo di villeggiatura e amministrazione delle terre, aperto e non predisposto ad attacchi, motivo per cui non presenta particolari fortificazioni. È oggi patrimonio dell'UNESCO e il suo splendore non trova ancora fine. Meravigliose sono le sue eleganti sale e piacevole il suo giardino con la limonaia. Assolutamente consigliata una visita.
Terminata quest'ultima, è possibile intraprendere il cammino lungo la via cittadina, via Cancellieri. Si prosegue passando davanti alla palazzina reale (annessa della villa medicea e attuale sede del comune di Poggio). Si scende quindi lungo via Cancellieri si gira a sinistra e all'angolo con via Lorenzo il Magnifico si incontra la fontana del Mascherone posta al centro del paese, sull'angolo del muro di cinta della Villa Medicea.
Questa insolita costruzione ha la rinomata caratteristica di mutarsi in 'fontana di vino' di Carmignano, in occasione di grandi eventi e ogni anno a settembre durante la festa popolare 'Assedio alla Villa' che ricorda il matrimonio tra Francesco I e Giovanna d'Austria che decisero di festeggiare con la popolazione la loro promessa di matrimonio con tutta la popolazione. Una volta lasciato alle spalle il Mascherone si prosegue lungo via Lorenzo il Magnifico e si incontrano le scuderie medicee attualmente sedi della biblioteca e del museo Soffici entrambi visitabili. Continuando si arriva al ponte al Molino superando l'Ombrone si gira a sinistra entrando nella via Bogaia in direzione delle Cascine Medicee di Prato.

Percorrere l'argine dell'Ombrone è molto bello e si può ricordare la leggenda della Ninfa Ambra, tramutata in statua dalla Dea Diana per sfuggire all'amore di Ombrone. Assolutamente da vedere è anche il Ponte Leopoldo II, più noto come Ponte Manetti, realizzato nel 1833 dall'architetto Alessandro Manetti. La tecnica della sua realizzazione era estremamente all'avanguardia per l'epoca: un ponte sospeso con funi e fili di ferro. E' nato per collegare i possedimenti granducali della riva destra (Villa Medicea di Poggio a Caiano) con la riva sinistra (Cascine di Tavola) Si attraversa questo 'vecchio nuovo ponte' i cui portali sono ancora quelli originali su uno dei quali c'è scritto a lettere originali 'Vis unita forzae' che oggi si direbbe 'l'unione fa la forza' ma letteralmente vuol dire ' la forza unita fa la forza'.
Proseguendo si entra nel parco mediceo del ' Bargo Mediceo di Bonistallo' la bandita di caccia che i Medici realizzarono alla metà del XVI secolo protetta da un muro di circa tre chilometri.
Uscendo dal Bargo si ritrova in lontananza la Villa medicea e risalendo lungo il colmo si arriva di nuovo al punto di partenza.

Share on

where

Places are specified in the program

when

Date and schedules are detailed in program


Orari visite Villa medicea: martedì, mercoledì, venerdì e sabato dalle ore 08:30 alle 16:30
Lunedì, giovedì e domenica chiuso.

contacts

costs

ASK A QUESTION. Ask for more information

View the questions

QualcosaDaFare.it

P.IVA 01878590478

Are you looking for a new way of doing tourism?

Subscribe to our newsletter, stay updated