QualcosaDaFare.it

Andiamo qui?

Mi interessa

Condividi su

Chiesa


dove



quando


Mercoledì 06/02/2019


17.30


recapiti


Nessun recapito inserito


costi


Nessun costo inserito


descrizione


Mercoledì 6 Febbraio 2019, a partire dalle ore 17.30, avranno luogo le celebrazioni in onore di Santa Dorotea, Patrona della Città di Pescia.

Programma:

ORE 17.30 - Ritrovo dei partecipanti presso la Chiesa di San Francesco,
deposizione dei consueti doni in onore della Santa Patrona;

ORE 18.00 - Celebrazione della SS. Messa presso la Chiesa dei
SS. Stefano e Niccolao, presieduta da Monsignore il Vescovo
e celebrata dai Sacerdoti del Vicariato di Pescia.

'La commemorazione liturgica di Santa Dorotea ricorre il 6 febbraio. È patrona dei fioristi e della città di Pescia, e ha come attributo iconografico un cesto di frutta e fiori.
Esistono varie congregazioni religiose intitolate alla santa, le cui suore sono dette Dorotee. Le reliquie di santa Dorotea sono conservate a Roma, nella chiesa trasteverina di Santa Dorotea, e la reliquia del capo era esposta nella Domenica in Albis all'altare maggiore di S. Maria in Trastevere; mentre a Solofra, nella Collegiata di San Michele Arcangelo, si conserva il teschio e diverse ossa di una martire chiamata Dorotea, donato dalla famiglia Orsini, ma è certamente un corpo santo.
La vita di Dorotea è narrata in un'antica passio del Martirologio Geronimiano che la descrive come ‘caritatevole, pura e sapiente'. Di fede cristiana, quando il preside Sapricio le chiese di fare un sacrificio agli dèi, si rifiutò e venne torturata; poi il preside la affidò a Crista e Callista, due sorelle apostate, affinché la convincessero a lasciare la religione cristiana, ma furono loro invece a essere convertite, e quindi bruciate vive, mentre Dorotea fu condannata alla decapitazione.
Sulla strada del martirio, incontrò un tal Teofilo, il quale le chiese ironicamente: «Sposa di Cristo, mandami delle mele e delle rose dal giardino del tuo sposo». Dorotea accettò e, prima della decapitazione, durante una preghiera, un bambino le portò tre rose e tre mele e lei disse di portarle a Teofilo, il quale, visto il prodigio, si convertì al Cristianesimo e fu anch'egli denunciato a Sapricio, che lo fece torturare e decapitare. Per questo la Chiesa lo onora come santo assieme a Dorotea il 6 febbraio.'

Foto

Condividi una foto o un video

Trascina qui le tue foto (o clicca)

Mostra galleria

Chiedi informazioni aggiuntive. Fai una domanda

Visualizza domande

Aiuta gli altri utenti, aggiungi un commento

Visualizza commenti

Andiamo qui?

Mi interessa

Condividi su