QualcosaDaFare.it

Andiamo qui?

Mi interessa

Condividi su

Luoghi da vedere


dove / quando


Camogli

Genova

Liguria

44.354279°, 9.149817°

Indicazioni stradali


Sempre disponibile


recapiti



costi


Nessun costo inserito


descrizione


Nel ripido e verdissimo anfiteatro naturale, tra gli ulivi e i pini marittimi del Golfo Paradiso, sulla riva è Camogli.

Il porticciolo con le sue barche variopinte, la palazzata multicolore delle case arrampicate, una tradizione marinara che è ancora viva, l'allegria della sagra del pesce: così ci si ricorda della 'Città dei Mille Bianchi Velieri' e se ne sente la nostalgia quando si è lontani.

Il Centro storico si sviluppa intorno al porto, con la Chiesa Parrocchiale, il Castello del Dragone sull'antica 'Isola' (o 'il Giorgio' com'è chiamata affettuosamente), e le belle case decorate. La terrazza del Castello offre un'incantevole vista sul porto e sulle viuzze della vecchia Camogli.

Ed è nei 'carruggi' in prossimità del porto che si incontra spesso l'immagine della Vergine, alla quale i camogliesi, nei secoli, si sono sempre rivolti invocando protezione per i loro cari lontani sul mare.

Dall porticciolo, affollato dalle barche dei pescatori e dai battelli turistici che solcano le acque alla volta di S.Fruttuoso, ha inizio la passeggiata a mare. E' via Garibaldi, con i suoi molteplici bar e ristoranti dove sostare per sorseggiare un caffè o assaggiare la cucina ligure contemplando il luccichio del mare.

L'ORIGINE DEL NOME
Le ipotesi sono numerose: quelle più fantasiose e meno credibili fanno derivare la parola dal genovese 'Cà a muggi' (case a mucchi) o 'Cà de mogee' (casa delle mogli - quelle dei pescatori e marinai in attesa del ritorno del marito).

Tra le più accreditate sono quelle che fanno derivare il vocabolo da 'Camulio' o 'Camulo', nome attribuito a Marte dai Sabini ed Etruschi o da Camolio, divinità solare gallo-celtica.

LO STEMMA DI CAMOGLI
Nel 1877 Camogli, per decreto di Re Vittorio Emanuele II, Camogli diventa 'Città' e acquisisce il diritto di utilizzare lo stemma araldico.
Così viene descritto ufficialmente:'.. d'azzurro, alla nave antica, a tre vele latine, vogante sopra il mare di verde fluttuoso argento, verso una torre d'oro...'

Testo ripreso dal sito www.camogli.it

Foto
Foto
Foto
Foto
Foto

Condividi una foto o un video

Trascina qui le tue foto (o clicca)

Mostra galleria

Chiedi informazioni aggiuntive. Fai una domanda

Visualizza domande

Aiuta gli altri utenti, aggiungi un commento

Visualizza commenti

Andiamo qui?

Mi interessa

Condividi su